Heros Gamos

 

 

Come nacque lo Hieros-Gamos

 

 

 

“El e Asherah e le sacre origini dello hieros-gamos, secondo la trascrizione del Libro Rosso” Pagina Tratta dal “Libro dell’Amore”, di Kathleen Mc Gowan

In principio Dio creò il cielo e la terra.

Ma Dio non era un singolo individuo, non regnava nell’Universo da solo. Regnava insieme alla sua compagna, che era la sua diletta.

E così nel primo libro di Mosè, chiamato Genesi, il Signore disse: <<Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza>>, mentre parlava con la sua metà, la sua sposa.  Poiché la creazione è un miracolo che avviene nel più perfetto dei modi solo quando vi è unione fra principio maschile e principio femminile. E il Signore Dio disse: <<Ecco, l’uomo è diventato come uno di noi>>.

E il libro di Mosè narra: <<Così Dio creò l’uomo a sua immagine, maschio e femmina li creò>>.

Come avrebbe potuto Dio creare la donna a sua immagine se non aveva un’immagine femminile? Egli l’aveva e in principio era chiamata Athiret. Il suo nome significava “colei che cammina sul mare”. Ma non si riferisce solo ai mari della nostra terra. Intende anche il mare delle stelle, il fascio di luce che chiamiamo Via Lattea.

Ella cammina sopra le stelle, perché quello è il suo dominio, in quanto è la Regina del Cielo.

E in seguito sorsero per lei molti nomi, fra cui quello di Stella Maris: Astro del Mare. Ella è la Mer Maid, la dea dell’amore e del mare, e per questo l’acqua è spesso vista come simbolo della sua misericordiosa saggezza.

Un altro simbolo usato per rappresentarla è un cerchio di stelle che danzano intorno a un sole centrale, l’essenza femminile che avvolge quella maschile nel suo amore. Dove vedrete questo simbolo, saprete che è presente lo spirito di tutto ciò che è femminile nella divinità.

Con il tempo Athiret del Mare e delle Stelle divenne nota agli ebrei come Asherah, la nostra Madre Divina, e il Signore fu conosciuto con il nome di El, il nostro Padre Celeste.

E fu così che El e Asherah desiderarono sperimentare il loro grande e sacro amore in una forma fisica più espressiva e condividere tale felicità con i figli che avrebbero generato. Ogni anima creata venne accoppiata, ricevette una gemella fatta della stessa essenza. Nel libro chiamato Genesi, questo è narrato nell’allegoria della compagna di Adamo, che viene creata dalla sua costola, vale a dire dalla sua essenza, poiché ella è carne della sua carne e ossa delle sue ossa, spirito del suo spirito.

Quindi, come racconta Mosè, Dio disse: <<Ed essi divennero una carne sola>>.

Così nacque lo hieros-gamos, il matrimonio sacro fondato sulla fiducia e sulla consapevolezza che unisce gli amati in una cosa sola. Questo è il dono più sacro fattoci dal nostro Padre e dalla nostra Madre celesti. Poiché quando ci ritroviamo insieme nella camera nuziale, scopriamo l’unione divina che El e Asherah desideravano far provare a tutti i loro figli terrestri nella luce della pura gioia e nell’essenza del vero amore.

Chi ha orecchie per intendere intenda.

<<ti ho amato prima, ti amo oggi e ti amerò ancora. Il tempo ritorna>>

Articoli correlati

Lascia un commento