Archivi tag: viaggio dell'anima dopo la morte

Corso di formazione per terapeuti energetici Nuove terapie fra sciamanesimo e studi steineriani

Prima data: 18 Febbraio 2023 – dalle ore 11.30 alle ore 18,30

Miei cari viaggiatori e viaggiatrici astrali, è giunto il momento per me di spingere un pò oltre i miei insegnamenti e rendervi partecipi di un metodo terapeutico che possa far fronte alle subentrate esigenze degli ultimi anni.

Come infermiera oltre che terapeuta dell’Anima, ho potuto sperimentare su di me e sui miei clienti gli effetti dell’unione tra gli sviluppi della medicina ufficiale e gli antichi studi esoterici, elevando il viaggio terreno a meravigliosa avventura, vissuta tra fisico, mente e anima.

Vi propongo così un corso di una giornata, in cui rendervi partecipi di tutto ciò tramite:

1. Un’ analisi energetica e un nuovo protocollo di interventi terapeutici di ricompattamento fra corpi sottili, corpo fisico e matrice in preparazione, durante e dopo l’utilizzo di psicofarmaci, morfine e farmaci chemioterapici e transgenici

2. Considerazioni e interventi riguardo alle ripercussioni sulle fasi di passaggio fra la vita terrena e la vita al di là del velo, nell’ipotesi di una compromissione dei corpi sottili.

3. L’eutanasia e l’anima

————————– Note informative —————————-

. Trattandosi di argomenti che presuppongono conoscenze energetiche avanzate, la partecipazione al corso prevede un breve colloquio telefonico conoscitivo.

. Indossare abbigliamento comodo.

. Portare con se l’occorrente per prendere appunti e del cibo leggero o degli snack pratici da consumare durante le pause

. Il costo della giornata è di 70 euro.

. Per quanti non riuscissero a partecipare al corso del 18 febbraio, è possibile programmare sessioni singole al costo di 95 euro.

. Potete utilizzare i contatti riportati a menu per prenotare la vostra partecipazione e per ricevere qualsiasi informazione.

In attesa di incontrarvi, vi abbraccio nella Nuova Energia

Monica

(*) Nota importante: Le tecniche utilizzate non intendono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente, che rimane fondamentale e a cui chiunque è invitato a ricorrere, soprattutto in caso di disturbi o patologie in corso.